Il tuo Carrello

Quantità prezzo Totale
0,00
Procedi al Checkout
Il tuo carrello è vuoto
0 Oggetti | 0,00
incl. tasse, escl. commissioni

Antonio Giampietro
Nelle curve del silenzio

Nelle curve del silenzio

Seconda raccolta di poesie di Antonio Giampietro con opere pittoriche del Maestro Michele Condrò. Antonio Giampietro è Dottore di Ricerca in Italianistica, ha pubblicato la silloge di poesie dal titolo Ma tu sei il vento e due monografie su Sergio Solmi "Sergio Solmi critico militante. Un itinerario nella letteratura italiana del '900" e su Renato Serra "Renato Serra lettore del moderno. Tra storia e mercato". Nelle 104 pagine di cui è composta l'opera poetica ed artistica, Giampietro suddivide in sezioni il suo percorso intimista ed attraverso il viaggio ed il suo cammino ed anche attraverso le opere pittoriche presenti nell'opera ci descrive le sue sensazioni e le proprie emozioni date anche e soprattutto dagli incontri con nuove persone. Una silloge da leggere e rileggere per tuffarsi completamente nel mondo magico della poesia raffinata. L'opera letteraria è interamente in quadricromia. 

Primo capitolo

Sono

 

Sono il fulmine

che ti taglia sereno,

sono il falco

che ti strappa veleno,

 

sono un corvo

senza strane passioni,

sono un toro

senza grandi ambizioni.

 

Sono il cuore

d'un fragile serpente,

sono il sogno

che travolge la mente.

 

Sono il servo

d'ogni tuo desiderio,

sono il treno

che puoi prender sul serio.

 

Sono il fiato

che senti sulle spalle,

sono un'aquila

che setaccia la valle.

 

Sono lo sguardo

del pazzo che ti segue,

sono il passo

del ladro che persegue.

 

Sono lo spirito

senza veli, ribelle,

sono l'onda

che ti liscia la pelle.

 

Sono il vento

che incontri nella sera,

sono la brezza

che dona primavera.

 

Sono il gabbiano

che grida per cantare,

sono il sibilo

più profondo del mare.

 

Sono la corsa

d'un destriero tuonante,

sono il sorriso

che diventa agghiacciante.

 

Sono il suono

che percuote i tuoi occhi,

sono la luce

che oramai non tocchi.

 

Sono un'immagine

strappata dal tramonto,

sono il fremito

d'una strada, un affronto.

 

Sono le lacrime

spezzate d'un bambino,

sono il laser...

la bomba del vicino.

 

Sono lo spasimo

disciolto nel profondo,

sono il silenzio

che annega un goffo mondo.

 

Sono forse

travestito da stella,

ma il respiro

non riscalda, che iella...

 

Sono il flauto

che stringi tra le mani,

ma non canto

se non giunge domani;

 

il futuro è...

un foglio ormai strappato

che l'oggi

ha già dimenticato;

 

ci voltiamo

e corriamo in avanti,

abbiamo seppellito

ferite, campi e santi.

 

Una notte mi svegliai per inganno

era l'urlo violento del tuo affanno

era giunta l'ora solenne

chissà chi ci avrà rimesso le penne!

 

ancora io

Specifications

  • Pagine: 104
  • Anno Pubblicazione: 2016
  • Formato: 15x21

Italia Book Festival è un progetto Edizioni del Loggione S.r.l. - Tutti i diritti riservati