Il tuo Carrello

Quantità prezzo Totale
0,00
Procedi al Checkout
Il tuo carrello è vuoto
0 Oggetti | 0,00
incl. tasse, escl. commissioni

Visita la pagina dell'editore

Edizioni 2000diciassette

Sara Calabrese
C'era una volta Ciéco Cecàsso

C'era una volta Ciéco Cecàsso
Prezzo Fiera 15,00

Nonno Salatino, nonna Dolcina, Griselda, gli gnomi della montagna, la figlia del re e il pescatore sono solo alcuni dei personaggi di queste fiabe. Le loro avventure si svolgono quasi sempre tra boschi e mari, luoghi dove ci si perde o dove si fanno strani incontri con magici personaggi. Sara Calabrese ci accompagna in un mondo incantato, condividendo con il lettore emozionanti avventure. Intrecci e suggestioni, dove, strizzando l'occhio alle foreste di abeti del nord si fondono folklore, tradizione e magia. Un libro in grado di affascinare, stupire e sorprendere per la sua umanità e modernità.

Teresa Morone - blogger

Ognuno ha una favola dentro che non riesce a leggere da solo. Ha bisogno di qualcuno che con la meraviglia e l'incanto negli occhi, la legga e gliela racconti. (Pablo Neruda)

Primo capitolo

C’era una volta, tanto tempo fa, un pescatore di nome Marco, che viveva in una casetta in riva al mare. Nella sua famiglia erano stati tutti pescatori: pescatore suo padre, pescatore suo nonno, pescatore il suo bisnonno e così via, per molte generazioni. Marco aveva un figlio di sette anni di nome Salvatore, che chiamava affettuosamente Sasino. Anche lui un giorno sarebbe stato pescatore. Ogni mattina, Marco si alzava presto e prendeva il largo con la sua barca. Gettava le reti nel ventre del mare e le tirava fuori piene di pesci di ogni tipo: il pesce palla, il pesce gatto, il pesce pagliaccio, il pesce rombo e tanti altri. Una parte di quei pesci la vendeva al mercato, dove lo pagavano poco e male, l’altra parte la portava a casa, e la mamma di Sasino li cucinava. La domenica Sasino non andava a scuola e suo padre non andava a pescare, così i due potevano passeggiare sulla spiaggia. Marco teneva per mano il suo bambino e intanto gli svelava i segreti del mare, affinché un giorno anche lui potesse diventare un bravo pescatore. Sasino ascoltava incantato, sognando di diventare grande per viaggiare sulla barca insieme al suo papà. “Vedi Sasino”, continuava Marco, “il mare è bello. Ci permette di vivere e ci dà i pesci da mangiare. Tu puoi giocare con la sabbia, raccogliere conchiglie e costruire i castelli. Puoi scavare le buche, fare il bagno e prendere il sole, ma non dimenticare mai i pericoli che nasconde. Quando soffia il vento ci sono i cavalloni, che fanno annegare tanta gente. Per questo mi devi promettere che non farai mai il bagno con le onde. Mi hai capito?” “Si papà,” rispondeva Sasino, e Marco lo guardava con amore. Non erano ricchi ma si volevano bene, e questo li rendeva felici. Un giorno Marco uscì come sempre con la sua barca. Gettò la rete e, quando la issò, rimase accecato da un bagliore dorato. Chiuse gli occhi, li riaprì, li chiuse un’altra volta e poi li spalancò per la sorpresa. Nella rete c’era un pesciolino tutto d’oro, con le squame che sembravano madreperla e una minuscola corona di conchiglie sulla testa. La coda luccicava nella luce del tramonto, sollevando schizzi di spuma nell’aria cristallina. “Sono ricco”, disse Marco felice, “venderò questo pesce e mi daranno tanti soldi. Finalmente Sasino avrà secchiello e paletta e potrò fare un regalo a mia moglie. Le prenderò una sciarpa, anzi un vestito, e comprerò carne e pane per un mese intero.” Stava per mettere il pesce nella cesta, quando udì una vocina intrisa di pianto. “Marco, ti prego, restituiscimi al mare.” “Ma … ma come … tu sai parlare?” Disse Marco stupito. “Conosci il mio nome?” E il pesciolino rispose: “si lo conosco, e conosco il tuo cuore. So che sei tanto buono, per questo ti supplico di lasciarmi andare.” “Mi stai chiedendo di rinunciare alla ricchezza? Di continuare a vivere nella povertà?” Il pesciolino non disse nulla, ma lo guardò con occhi così pieni di dolore che Marco s’impietosì e lo gettò di nuovo nel mare. Il pescatore lo guardò sparire tra i flutti, poi tornò a casa colmo di tristezza. Per tutta la sera non parlò con nessuno. Passarono i mesi, e Marco non vide più il pesciolino. Un giorno, mentre era a lavoro, il vento si alzò all’improvviso e il mare divenne minaccioso. Onde possenti come torrioni si abbattevano sulla spiaggia, orlando la battigia con merletti di schiuma argentata. In quel momento Sasino tornava da scuola, e vedendo le onde così alte e maestose, rimase incantato dalla loro bellezza. Tutto preso dall’emozione, dimenticò la promessa fatta al padre e si tuffò nell’acqua gelata. Subito la risacca lo tirò verso il fondo e Sasino non riuscì più a nuotare. Il piccolo si mise a gridare, ma la madre era in casa a cucinare il pesce, e con tutto quel vento non lo poteva sentire. Marco stava per mettersi al riparo, quando vide una testa dorata brillare tra i flutti. “Seguimi, presto. Il tuo Sasino è in pericolo.” Marco tirò subito l’ancora, e remò dietro al pesce per raggiungere il figlio. Sasino scalciava e piangeva, ma Marco era troppo lontano. Non lo poteva aiutare. “Salvalo, ti supplico.” Implorò, disperato, il pescatore. Allora il pesciolino pronunciò le parole: “ittio ittias inia delfinia”, e tutti gli abitanti dell’oceano accorsero al suo grido, mettendosi fianco a fianco per formare un ponte tra Marco e Sasino. Il pescatore corse dal figlio e trasse in salvo il suo corpo svenuto. “Sasino, Sasino rispondi, ti prego.” Finalmente il piccolo aprì gli occhi e disse: “Sto bene, papà.” Marco, piangendo, si rivolse al pesciolino: “non so chi sei, né come hai fatto, so soltanto che hai salvato il mio bambino e per questo ti sono debitore.” E il pesce rispose: “io sono Aureo, il re del mare, sovrano di tutti i popoli dell’oceano, e ti ho ricompensato per il tuo buon cuore.” “Volevo diventare ricco, ma la ricchezza più grande è la vita del mio Sasino. Ora ho capito che sono già ricco, perché ho l’amore della mia famiglia. Grazie Aureo, grazie, non pescherò mai più i tuoi pesciolini.” Allora Marco il pescatore divenne Marco il boscaiolo. Si trasferì in montagna e visse per sempre felice e contento.

Specifiche

  • Pagine: 144
  • Anno Pubblicazione: 2020
  • Formato: 150*210
  • Isbn: 978-88-31243-11-7
  • Prezzo copertina: 15€

Seguici

ContaTti

Telefono 351 886 28 90

Edizioni del Loggione srl
Sede legale: Via Piave, 60 - 41121 - Modena - Italy
P.Iva e C.F.: 03675550366
Iscrizione Camera Commercio di Modena REA MO-408292


© ItaliaBookFestival è un marchio registrato Edizioni del Loggione srl