Il tuo Carrello

Quantità prezzo Totale
0,00
Procedi al Checkout
Il tuo carrello è vuoto
0 Oggetti | 0,00
incl. tasse, escl. commissioni

Carmelo Pecora
Morte a Trecolli

Morte a Trecolli
Prezzo Fiera 12,00

Trecolli è un paesino medievale situato sulle colline forlivesi, pochi chilometri e ci si trova in Toscana. Appena chiuse tutte le attività commerciali i non più giovanissimi componenti del “Sangiovese Football Club”, squadra amatoriale del borgo, si trovano, come tutti i venerdì, a calcare il campo di calcio. Sembra una giornata tranquilla, come le altre, ma non lo sarà ancora per molto. La nebbia, tra breve, prenderà il posto del cielo stellato e di una mezzaluna che sembra disegnata per quanto è bella. È tardi. Qualcuno si muove tra la bruma, forse non è solo, di certo non farà mai più rientro a casa e tra qualche ora solo una domanda si farà insistente tra gli abitanti. Chi ha ucciso Libero Primo, quello che tutti odiano?

Primo capitolo

TRECOLLI

 

Il cartello che indica il paese con la scritta nera su sfondo bianco è sistemato sulla destra dello stradone, subito dietro una curva a gomito; sotto di esso, un altro cartello marrone con una scritta bianca.

Tri Col in chiaro dialetto romagnolo. Sembra che qualche anno fa fosse di moda, distinguersi per dialetti.

A poche centinaia di metri dal cartello c’è un rifornimento di carburante di una compagnia petrolifera che non appare negli spot televisivi e che quindi può praticare dei prezzi concorrenziali: è gestito da Beppe e da suo figlio Luca.

Quasi di fronte ci sono due capannoni abbastanza grandi, uno con una insegna azzurra su sfondo nero della GS Elettromeccanica, di Stefano Sansavini, l’altro con una scritta tricolore della ditta Ceroni, cognome del proprietario Andrea, che allestisce macchine da soccorso stradale e trasporto auto.

Due ditte che danno lavoro a numerosi abitanti della zona.

Poco distanti, delle villette a schiera di recente costruzione fanno capire che si è arrivati all’inizio della piccola cittadina.

Circa 2000 abitanti, per la precisione 1959, che vivono in questo borgo medievale molto suggestivo situato a quasi 700 metri d’altezza. Abitanti che triplicano durante il periodo estivo quando si viene presi d’assalto dai turisti e dai possessori di seconde case in cerca di refrigerio e di passeggiate nei boschi.

L’Appennino è quello tosco-romagnolo, un polmone verde ben curato.

La provincia quella di Forlì-Cesena.

Altrettanto curato è l’ingresso del paese.

Nella prima rotonda che si incontra è posizionato il simbolo della città: un’aquila a due teste su sfondo bianco e rosso composto da fiori.

Le mura di cinta sono state in parte salvaguardate, così come il piccolo Castello e la sua Torre Merlata situati nella parte superiore a protezione di quella che un tempo era una piccola roccaforte.

Il fiume Tagliacarte divide in due il borgo.

Il Palazzo Comunale sovrasta Piazza Enzo Bearzot.

Ecco, una caratteristica del paese è quella che le vie principali sono state dedicate agli eroi della fantastica vittoria ai mondiali di calcio del 1982, unico esempio di strade dedicate a personaggi anche viventi.

L’idea venne, una ventina di anni fa, al Sindaco dell’epoca Ugo Ferretti, un noto negoziante di tessuti, appassionato di calcio, che assieme al suo vice sindaco Luca Muccioli, un piccolo industriale della zona, convinse la Giunta Comunale a farla propria e a sottoporla agli abitanti attraverso un referendum. Tra i cittadini fu un plebiscito, tanto che il 69 percento diede la sua approvazione.

I due erano stati anche tra i fondatori della squadra di calcio.

Al centro della piazza c’è il Monumento ai Caduti, una struttura in roccia con in cima una fanciulla che sorregge una bandiera.

L’elenco dei soldati è inciso su lastre d’ottone.

A fianco una stele in marmo, con impressa una stella rossa, ricorda con i nomi scolpiti il sacrificio dei Partigiani che lottarono per liberare quelle zone dai nazifascisti.

Le panchine intorno permettono agli anziani di riposarsi, di fare delle chiacchiere e di godere dell’ombra, nel periodo estivo, di alcuni “bagolari” messi lì attorno.

Questa è Trecolli.

Un paesino con le sue storie, belle e brutte, con i suoi abitanti, buoni e cattivi.

In pratica il mondo in piccolo.

 

Specifiche

  • Pagine: 210
  • Anno Pubblicazione: 2020
  • Formato: 14x20 cm
  • Isbn: 978-88-6810-397-2
  • Prezzo copertina: 12

Italia Book Festival è un progetto Edizioni del Loggione S.r.l. - Tutti i diritti riservati

Seguici

ContaTti

Telefono 351 886 28 90

Edizioni del Loggione srl
Sede legale: Via Piave, 60 - 41121 - Modena - Italy
P.Iva e C.F.: 03675550366
Iscrizione Camera Commercio di Modena REA MO-408292


© ItaliaBookFestival è un marchio registrato Edizioni del Loggione srl